Rivalutazione partecipazioni società

La Legge di bilancio 2021 ha previsto la riapertura dei termini per rideterminare il valore delle partecipazioni in società non quotate possedute da persone fisiche alla data del 1° gennaio 2021.

Vi è, quindi, la possibilità di rideterminare il valore d’acquisto di partecipazioni mediante pagamento di un’imposta sostitutiva con aliquota unica fissata all’11 per cento sul valore risultante dalla perizia della partecipazione.

Per poter effettuare la rivalutazione è necessaria la redazione di una perizia da parte di un soggetto abilitato entro il 30 giugno 2021 e il pagamento dell’imposta sostitutiva che può essere effettuato in un’unica soluzione entro il 30 giugno 2021 oppure in tre rate annuali di uguale importo entro il 30 giugno 2021, 30 giugno 2022 e 30 giugno 2023 maggiorate degli interessi.

Il versamento della prima rata perfeziona la rivalutazione e in questo modo il contribuente può utilizzare immediatamente il  nuovo valore di acquisto per la determinazione della plusvalenza.

Suggeriamo di valutare l’opportunità di avvalersi delle disposizioni sulla rivalutazione, in quanto, in caso di vendita delle quote di società, le persone fisiche scontano sulle plusvalenze da capital gain l’imposta sostitutiva del 26%.

L’operazione risulta favorevole quanto più  il costo complessivo di carico della partecipazione è inferiore al prezzo di cessione.

Rimaniamo a disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *