Novità in tema di agevolazioni del credito – DL.25/05/2021 n.73 “Sostegnibis”

Con il decreto “Sostegni-bis” sono state introdotte ulteriori misure in materia di agevolazione del credito a sostegno delle imprese e degli operatori economici.

PROROGA MORATORIA PER LE PMI

È stata prorogata al 31/12/2021 la moratoria straordinaria dei prestiti e delle linee di credito concesse da banche e intermediari finanziari a micro, piccole e medie imprese introdotta dall’art 56 del DL n 18/2020, limitatamente alla sola quota capitale (ove applicabile). Le imprese che intendono beneficiare di tale agevolazione sono tenute a comunicare al soggetto finanziatore l’intenzione di accedere alla proroga entro il 15/06/2021.

MISURE PER IL SOSTEGNO ALLA LIQUIDITÀ DELLE IMPRESE

Sono stati prorogati al 31.12.2021 i regimi del Fondo di Garanzia PMI e di Garanzia SACE, rimodulandone l’operatività. Nel dettaglio, a decorrere dal 01/07/2021, la garanzia prestata dal Fondo di Garanzia PMI opererà con le seguenti modalità:

• le garanzie per operazioni di valore superiore ai 30.000,00 euro (art. 13 co. 1 lett. c) del DL 23/2020) sono concesse nella misura massima dell’80%;

• il termine massimo di durata delle operazioni che fruiscono del regime di intervento straordinario è innalzato a 120 mesi, previa notifica e autorizzazione della Commissione europea. La misura si applica anche alle operazioni già garantite, salve le necessarie autorizzazioni e nel rispetto del limite massimo di 120 mesi di durata dell’operazione;

le garanzie per operazioni fino a 30.000,00 euro (art. 13 co. 1 lett. m) del DL 23/2020) sono ridotte dal 100% al 90% e potrà essere applicato un tasso di interesse diverso. La garanzia opera anche in favore degli enti non commerciali, compresi gli enti del Terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti.

Per le imprese di dimensioni più grandi, inoltre, il regime di Garanzia SACE è stato prorogato per:

  • finanziamenti alle imprese (art. 1 co. 1 del DL 23/2020);
  • portafogli di finanziamenti alle imprese (art. 1 co. 13 del DL 23/2020);
  • prestiti obbligazionari o altri titoli di debito emessi dalle imprese con classe di rating almenopari a BB- o equivalente (art. 1 co. 14-bis del DL 23/2020). Qualora la classe di rating risulti inferiore a BBB-, i sottoscrittori originari dei prestiti obbligazionari o dei titoli di debito sono obbligati a mantenere una quota pari almeno al 15% del valore dell’emissione per l’intera durata della stessa;
  • misure a sostegno della liquidità delle imprese di medie dimensioni (art. 1-bis.1 del DL 23/2020). Per queste, inoltre, è prevista l’eliminazione del divieto di distribuzione dei dividendi e di riacquisto di azioni.Per le garanzie disposte dall’art. 1 co. 1 e 1-bis del DL 23/2020, il termine massimo di durata delle nuove operazioni è innalzato a 10 anni, previa notifica e autorizzazione della Commissione europea. I finanziamenti già garantiti di durata non superiore a 6 anni possono essere estesi o sostituiti con nuovi finanziamenti di durata fino a 10 anni.

    Restiamo a disposizione per eventuali chiarimenti al riguardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *