Decreto Legge n.41 “Decreto Sostegni” – Contributo a fondo perduto

L’art. 1 del DL 41/2021 prevede un nuovo contributo a fondo perduto.

Lo Studio sta già effettuando opportune analisi, sulla base del testo attualmente vigente, di tutte le posizioni per verificare la spettanza del contributo.
Pertanto, prossimamente sarete contattati dallo Studio per l’eventuale richiesta di documenti e per fornire i chiarimenti necessari.

Riepiloghiamo sinteticamente i punti salienti della normativa.

Il contributo spetta per i soggetti titolari di partita IVA:
 che svolgono attività d’impresa, arte o professione o producono reddito agrario;  residenti o stabiliti nel territorio dello Stato.

Sono in ogni caso esclusi dal contributo:
 i soggetti la cui attività risulti cessata al 23.3.2021 (data di entrata in vigore del DL 41/2021);  i soggetti che hanno attivato la partita IVA dal 24.3.2021.

Il contributo spetta a condizione che:

  •   i ricavi/compensi del 2019 non siano superiori a 10 milioni di euro;
  •   l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 sia inferiore almeno del 30% rispetto all’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2019 (requisito non richiesto per chi ha iniziato l’attività dall’1.1.2019).

L’ammontare del contributo è calcolato applicando le seguenti percentuali alla differenza tra l’am- montare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 e quello del 2019:

 60%, per soggetti con ricavi/compensi 2019 non superiori a 100.000,00 euro;
 50%, per soggetti con ricavi/compensi 2019 compresi tra 100.000,00 e 400.000,00 euro;  40%, per soggetti con ricavi/compensi 2019 compresi tra 400.000,00 e 1 milione di euro;  30%, per soggetti con ricavi/compensi 2019 compresi tra 1 e 5 milioni di euro;
 20%, per i soggetti con ricavi/compensi 2019 tra 5 e 10 milioni di euro.

Il contributo non può comunque superare 150.000,00 euro.

È inoltre previsto un contributo minimo, pari a:

  •   1.000,00 euro, per le persone fisiche;
  •   2.000,00 euro, per i soggetti diversi dalle persone fisiche.

    Per ottenerlo occorre presentare un’apposita istanza telematica all’Agenzia delle Entrate:

  •   dal 30.3.2021 al 28.5.2021;
  •   mediante i canali telematici dell’Agenzia delle Entrate ovvero mediante il servizio web disponibile nell’area riservata del portale “Fatture e Corrispettivi” del sito Internet dell’Agenzia delle Entrate.

    Il contributo, a scelta del contribuente, può essere alternativamente riconosciuto:
     direttamente tramite bonifico da parte dell’Agenzia delle Entrate;
     sotto forma di credito d’imposta, da utilizzare in compensazione mediante il modello F24.

    Restiamo a disposizione per eventuali chiarimenti al riguardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *