Decreto Legge n.34 “Decreto Rilancio” – Contributo a fondo perduto

Lo scorso 19.5.2020 è stato pubblicato in G.U l’annunciato DL n. 34/2020, c.d. “Decreto Rilancio”, contenente, all’art. 25, il riconoscimento di un contributo a fondo perduto.

Il contributo spetta ai soggetti aventi fatturato non superiore a 5.000.000 di euro.
Vi sono poi ulteriori esclusioni di natura soggettiva, come ad esempio l’esclusione dei soggetti che hanno usufruito dell’indennità Inps (600€) , dei soggetti iscritti a Enti di diritto privato di previdenza obbligatoria o delle società facenti parte di una Holding Industriale.

Premesso che si tratta di un Decreto Legge e quindi soggetto a modifiche durante l’iter di conversione e che l’attuazione pratica è rimandata ad altri decreti, lo Studio sta già effettuando opportune analisi, sulla base del testo attualmente vigente, di tutte le posizioni per verificare la spettanza del contributo.

Pertanto, prossimamente sarete contattati dallo Studio per l’eventuale richiesta di documenti e per gli adempimenti necessari al fine di predisporre l’istanza di richiesta del contributo.

Riepiloghiamo sinteticamente i punti salienti della normativa.

CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO

Viene previsto un contributo a fondo perduto per imprese, anche agricole, e titolari di reddito di lavoro autonomo.

Sono tuttavia esclusi:
• i professionisti iscritti alla gestione separata INPS (soggetti che hanno diritto alla percezione delle indennità di cui all’art. 27 del DL 18/2020);
• i lavoratori dello spettacolo (soggetti che hanno diritto alla percezione delle indennità di cui all’art. 38 del DL 18/2020);
• i professionisti iscritti ad un Ordine.

CONDIZIONI

Il contributo spetta a condizione che:

  • i ricavi/compensi del 2019 non siano superiori a 5 milioni di euro;

l’ammontare di fatturato/corrispettivi di aprile 2020 sia inferiore ai 2/3 rispetto a quello di aprile 2019 (non richiesto per chi ha iniziato l’attività dall’1.1.2019).

 

MISURA DEL CONTRIBUTO

L’ammontare del contributo è calcolato applicando le seguenti percentuali alla differenza tra il fatturato di aprile 2020 e aprile 2019:

  • 20% per soggetti con ricavi/compensi 2019 non superiori a 400.000,00 euro;
  • 15% per soggetti con ricavi/compensi 2019 compresi tra 400.000,00 e 1 milione di euro;
  • 10% per i soggetti con ricavi/compensi 2019 tra 1 e 5 milioni di euro.È previsto un contributo minimo, pari a:
    • 1.000,00 euro, per le persone fisiche;
    • 2.000,00 euro, per i soggetti diversi dalle persone fisiche.

     

MODALITÀ DI RICONOSCIMENTO

Il contributo è riconosciuto tramite bonifico, previa presentazione di istanza telematica all’Agenzia delle Entrate le cui modalità verranno definite da un prossimo provvedimento.

Restiamo a disposizione per eventuali chiarimenti al riguardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *